SIMON BOCCANEGRA

martedì 5 febbraio ore 19.45

opera di G.Verdi –  dall’Opèra di Parigi – in differita
regia Calixto Bieito – direzione musicale Fabio Luisi – Cast: Ludovic Tezier, Mika Kares, Maria Agresta, Francesco Demuro

Vicenda truce e senza speranza quella messa in musica da un Verdi che ritornava a Venezia dopo l’esperienza parigina del suo grand-opéra, Les Vêpres siciliennes. Alla Fenice Simon Boccanegra fu un fiasco «quasi altrettanto grande di quello della Traviata», scrive il compositore. Il pubblico non era preparato a un dramma politico di tono scuro e uniforme, «triste e di affetto monotono» – stavolta le parole sono di Giulio Ricordi – quasi senza risvolti sentimentali. Occorrerà un quarto di secolo e una profonda revisione del libretto da parte di Arrigo Boito perché il lavoro si potesse affermare definitivamente nei teatri. È la versione del 1881, andata in scena alla Scala il 24 marzo diretta da Franco Faccio, quella che comunemente si ascolta oggi. E quindi è quella concertata da Fabio Luisi per l’Opéra Bastille.
La sua lettura è giustamente tenebrosa, ma il maestro non manca di sottolineare, con i fremiti degli archi, gli squarci atmosferici e marini di interludi che, se non si trattasse di quasi un secolo prima, sembrerebbero anticipare quelli del Peter Grimes di Britten.
Eccezionale il cast di interpreti: Ludovic Tézier debutta come Simon in scena dopo averne data una versione memorabile in concerto. Timbro, fraseggio, legati sono magistralmente esibiti dal baritono francese che dimostra ogni volta una maturità espressiva supriore a quella della volta precedente. Autorevole e nobile il Fiesco di Mika Kares, con il suo duetto finale con Tézier uno dei momenti più emozionanti della serata. Parte molto bene nel Prologo Nicola Alaimo, il perfido Paolo, per perdere poi un po’ di incisività. Francesco Demuro non conosce altro che il tono forte e stentoreo ed è un peccato perché col suo bel timbro potrebbe essere un magnifico Adorno e invece finisce per essere insopportabile. Unica donna in tanta maschilità, Amelia trova in Maria Agresta la sensibilità e la vocalità sicura del soprano lucano. Mikhail Timoshenko è un Pietro di lusso.

Maria, la madre di Amelia e la moglie di Simon Boccanegra, è il personaggio chiave dello spettacolo allestito da Calixto Bieito: trascinata in scena ancora viva da Jacopo Fiesco su un telo di plastica, è una delle tante donne che ogni giorno soffrono la violenza dei maschi. Da morta il suo spirito vagherà tra i vivi fino a riprendesi alla fine il Simon avvelenato per invidie e brame di potere. Bieito sfronda la vicenda del contesto storico, concentrando tutto sulla psicologia dei personaggi con un particolare gioco attoriale in cui viene tolta quasi ogni interazione personale. Le figure sono chiuse in sé stesse, monadi in balia del destino, nonostante questa sia un’opera di duetti. Proiezioni video del viso di Simon fanno talora da sfondo, mentre nell’intervallo, che separa le due parti in cui è stata divisa l’opera, un video un po’ macabro se non truculento, di cui non si sentiva il bisogno, dimostra la sotterranea propensione alla provocazione del regista spagnolo, che invece qui questa volta propone uno spettacolo coerente con la psicologia del dramma verdiano.

Unico elemento scenografico è uno scheletro di battello, in demolizione più che in costruzione, il “Vascello fantasma” del corsaro Simon su cui egli salirà un’ultima volta alla morte. Ruotando di 360° la struttura mostra lati diversi del suo interno suggerendo i vari ambienti. Ma non è l’ambientazione che interessa il regista, che fa agire i personaggio sempre al proscenio, con grande vantaggio delle voci.

Momento molto toccante il duetto finale dei vecchi Simon e Fiesco, con il secondo che sostiene tra le braccia il doge morente e come atto d’affetto gli deterge la fronte col suo fazzoletto. (da www.operaincasa.com)

dall’Opèra di Parigi – in differita
regia Calixto Bieito – direzione musicale Fabio Luisi
Cast Ludovic Tezier, Mika Kares, Maria Agresta, Francesco Demuro
cantata in italiano – con sottotitoli in italiano
durata 2h50m + intervallo

PREZZI DI INGRESSO – DIFFERITE
Interi € 10 (+ € 1 diritti di prev.)
Ridotti € 9 (+ € 1 diritti di prev.)
Associati € 8 (+ € 1 diritti di prev.)

La riduzione è prevista per over 65 e studenti max 26 anni
Associati sono coloro i quali hanno sottoscritto la tessera dell’Associazione Piccolo Teatro 2

***

PREVENDITE DEI BIGLIETTI da Lunedì 17 dicembre
presso i seguenti esercizi:
CARTOLERIA «C’ERA UNA VOLTA» – tel. 049.8803700
via Asolo n.9 (di fronte al parcheggio del Piccolo Teatro)
CARTOLERIA «PROSDOCIMI» – tel. 049.8751368
piazzetta Pedrocchi n.10
CARTO-EDICOLA «RUGGERO ENZO» – tel. 049.715469
zona Mandria (via Armistizio/Via R.Aponense)
a fianco di «Acqua e Sapone»
EDICOLA CARTOLERIA PALTANA
via Vittorio Veneto – Paltana (rotatoria piscine Padova Nuoto)

PREVENDITA ONLINE (con carta di credito – con aggiunta di diritti di transazione online) su www.liveticket.it/piccoloteatropadova

Non saranno accettate richieste di «prenotazione» inviate via e-mail o via telefono

***

LA BIGLIETTERIA DEL TEATRO aprirà 45 minuti prima dell’evento,  per i posti rimasti eventualmente disponibili dopo le prevendite.

DOPO L’INIZIO DELLA PROIEZIONE L’INGRESSO IN SALA NON SARA’ CONSENTITO NEMMENO A CHI FOSSE ABBONATO O IN POSSESSO
DI BIGLIETTO ACQUISTATO IN PREVENDITA

Ad ogni evento: bar (caffetteria, bevande e snack) operativo all’apertura e all’intervallo. All’intervallo: vendita di pizza al taglio.

****

Piccolo Teatro
via Asolo 2 (zona Paltana)
Padova
Ampio parcheggio gratuito