RAYA E L’ULTIMO DRAGO

sabato 7 agosto ore 21.30

Animazione di Don Hall e Carlos López Estrada. 114 min. USA. Distribuito da Walt Disney

500 anni fa la nazione di Kumandra univa popoli differenti sotto il pacifico presidio dei Draghi. Finché i Druun, entità malvagie, non si sono diffusi tra gli uomini, agevolati dalla loro cupidigia e discordia, finendo per trasformare ogni forma vivente in pietra. Solo il sacrificio dei Draghi permise all’umanità di salvarsi: il segreto del loro potere è rimasto racchiuso in una gemma magica, unica arma di difesa contro i Druun. Oggi Kumandra non esiste più, divisa tra nazioni belligeranti, che corrispondono ad altrettante “parti” del drago: Zanna, Artiglio, Cuore, Dorso e Coda. Raya, principessa di Cuore, prova a tendere la mano verso Namaari, giovane figlia della regina di Zanna, ma la fiducia in quest’ultima porterà a una terribile disgrazia e al ritorno dei Druun.

Benché concepito prima che la pandemia fosse una tragica realtà, Raya e l’ultimo drago sembra il perfetto film Disney per raccontare ciò che l’umanità sta vivendo nel biennio 2020-2021: una drastica riduzione delle nostre libertà e delle nostre gioie, determinata da una causa ignota ma in qualche modo riconducibile a errori umani.

Da Dante Alighieri a oggi è sempre una questione legata alle tre “fiere”: lince, leone e lupa – lussuria, superbia e cupidigia – mali oscuri del debole uomo, prima indotto in errore da loro e poi obbligato a pagarne le conseguenze. Una nota malinconica e pessimista accompagna tutto Raya e l’ultimo drago, a partire dall’inizio in medias res, che ci cala in una distopica landa desertica, degna di Mad Max: Fury Road.

Raya è parte Furiosa e parte Max, oltre che Rey di Star Wars: un crocevia di principessa disneyana ed eroina action da post #metoo. Così come Sisu, il drago che finirà per accompagnarla nelle sue avventure, unisce i tratti della tipica spalla disneyana, con lo humour stralunato del genio di Aladdin e l’aria un po’ svampita e sopra le righe di Dori da Alla ricerca di Nemo (le fattezze invece tradiscono la somiglianza con Awkwafina, rapper e personaggio mediatico che, nella versione originale, presta la voce al doppiaggio del personaggio).

A emergere come personaggio meglio delineato dalla sceneggiatura è l’antagonista Namaari: la tensione che la dilania, scindendola tra dovere di figlia verso il proprio popolo e aspirazione utopistica legata ai sogni di bambina, è il cuore del film e forse rappresenta la chiave di volta disneyana sul ruolo del nostro fanciullino interiore di fronte all’apocalisse.

da mymovies.it

Prezzi

Intero 6 € (+ diritti di prev.)
Ridotto (over 65 e studenti max 26 anni): 5 € (+ diritti di prev.)
Associato “Piccolo Teatro” – Bambini 4/12 anni: 4 € (+ diritti di prev.)

Prevendita

ONLINE su https://www.liveticket.it/piccoloteatropadova
O PRESSO I SEGUENTI PUNTI VENDITA:

  • Cartoleria “C’ERA UNA VOLTA”, Via Asolo 9, 35142 – di fronte al parcheggio del Piccolo Teatro (049.8803700) vedi su google maps
  • Cartoleria “PROSDOCIMI”, Piazzetta Cappellato Pedrocchi, 10, 35122  vedi su google maps
  • Cartoedicola “RUGGERO”, Via Armistizio, 289, 35142 (049.715469) vedi su google maps

IN CASO DI MALTEMPO

lo spettacolo si svolgerà nell’attigua sala Piccolo Teatro (climatizzata) salvo casi di forza maggiore