Gianni Schicchi

martedì 30 novembre ore 19.00

dall’opera di Giacomo Puccini – Italia, 2021, 60 minuti –  regia di Damiano Michieletto – con Vincenzo Costanzo, Manuela Custer, Giancarlo Giannini.

 

Il ricco mercante e collezionista toscano Buoso Donati, muore improvvisamente a casa sua. Tutti i parenti accorrono per piangerne la scomparsa, ma la loro reale intenzione è capire dove andranno a finire i suoi soldi, dunque iniziano a mettere a soqquadro la villa alla ricerca del testamento. Una volta trovato, scoprono la tremenda verità: Donati ha lasciato tutti suoi beni al vicino convento di frati, senza intestare nulla agli avidi parenti. Indecisa su cosa fare, la famiglia decide di affidarsi a Gianni Schicchi, un furbo faccendiere famoso per essere in grado di muoversi con disinvoltura tra i cavilli della legge. Inizialmente Schicchi rifiuta di aiutarli a causa dell’atteggiamento sprezzante che la famiglia Donati, mostra verso di lui. Ma le preghiere della figlia Lauretta, innamorata di Rinuccio, il giovane nipote di Donati, lo spingono a tornare sui suoi passi, soprattutto quando scopre che i due aspettano un figlio. Schicchi decide di escogitare un piano: dal momento che nessuno è ancora a conoscenza della morte del vecchio Donati, ordina che il cadavere venga nascosto per poterne prendere lui stesso il posto e dettare al notaio un nuovo testamento. I parenti accettano il piano , il cadavere viene nascosto in un frigorifero e ognuno segretamente inizia a corrompere Schicchi per assicurarsi la parte più cospicua di eredità. Fingendosi Buoso Donati, Schicchi declina dinanzi al notaio le ultime volontà e, quando dichiara di lasciare i beni più preziosi al suo «caro, devoto, affezionato amico Gianni Schicchi», i parenti comprendono la terribile beffa ed esplodono in urla furibonde. Il finto Buoso li caccia quindi dalla casa, divenuta ora di sua esclusiva proprietà insieme alla figlia Lauretta e Rinuccio.

NOTE DI REGIA

Fin dal primo momento ho detto: faccio questo film solo se possiamo girarlo tutto in presa diretta.
E così è stato! Solo in questo modo gli interpreti hanno avuto la possibilità di potersi esprimere davanti alla macchina da presa nel modo più coinvolgente, umano e diretto possibile. Questo era quello che cercavo: portare un’opera lirica a diventare cinema. Ho scelto Puccini perché il suo modo di comporre è già di per se cinematografico e la storia inventata da Forzano è un perfetto plot narrativo, degno di una commedia all’italiana di Monicelli. Seguendo questa ispirazione e facendomi guidare dall’intuito ho creato questo mio primo film musicale che vive grazie alle competenze di una troupe fantastica che ha sposato il progetto e l’ha sostenuto con grande passione.

Prezzi

Intero 8 € (+ diritti di prev.)
Ridotto (over 65 e studenti max 26 anni): 7 € (+ diritti di prev.)
Abbonato “Lirica” e Associato “Piccolo Teatro” – Bambini 4/12 anni: 6 € (+ diritti di prev.)

Prevendita

ONLINE su https://www.liveticket.it/piccoloteatropadova
O PRESSO I SEGUENTI PUNTI VENDITA:

  • Cartoleria “C’ERA UNA VOLTA”, Via Asolo 9, 35142 – di fronte al parcheggio del Piccolo Teatro (049.8803700) vedi su google maps
  • Cartoleria “PROSDOCIMI”, Piazzetta Cappellato Pedrocchi, 10, 35122  vedi su google maps
  • Cartoedicola “RUGGERO”, Via Armistizio, 289, 35142 (049.715469) vedi su google maps