39° bis Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi 2021

Dal 2 ottobre al 27 novembre, ogni due settimane
I sabati alle ore 16.00
Le domeniche alle ore 10.30 e 16.00

Torna il Festival più amato dai bambini e ragazzi!
Quest’anno gli spettacoli verranno presentati a settimane alterne a partire da sabato 2 ottobre.
Nei fine settimana in cui non sono previsti gli spettacoli, per continuare a mantenere un collegamento con il fedele pubblico, verranno messi a disposizione dei link esclusivamente per il pubblico del Festival con momenti di performance teatrali costruite ad hoc per questa
particolare edizione del Festival, con forum, video, laboratori,dibattiti, lezioni…
Un modo per tenere le famiglie vicine all’arte sfruttando anche il nuovo mondo virtuale senza però abbandonare la forza e i valori dello spettacolo dal vivo che portano i bambini ad emozionarsi, ridere e condividere il piacere dello spettacolo.

Pagina Facebook ufficiale https://it-it.facebook.com/TeatroRagazziGCalendoliOnlus/

Info: www.teatroragazzi.com

*******

Programma

sabato 16 ottobre h 16:00
domenica 17 ottobre h 10:30 e 16:00

La Terra di Mamot
Atelier Mamot di San Miniato (Pi)
regia e drammaturgia: Matteo Destro
con: Andrea Ninello e Irene van Dijken
Una storia dove vengono messe a confronto due generazioni, quella di Alvise, cresciuto quando per giocare bisognava essere uno vicino all’altro, e quello della figlia Viola che invece condivide avventure in mondi virtuali con compagni che hanno un nome e un corpo fittizio e che si potrebbero trovare indifferentemente dall’altra parte del mondo o nella stanza accanto.
Alvise, cercando un contatto autentico con la figlia, si trova ad avere a che fare con un mondo fino ad ora a lui sconosciuto. Un intreccio di situazioni assurde e grottesce vanno a formare una trama esilarante, tra social media, youtubers, haters, avatars e le battaglie epiche del popolarissimo videogioco on-line “La Terra di Mamot”.
sabato  30 ottobre h 16:00
domenica 31 ottobre h 10:30 e 16:00

Nel castello di Barbablù
Kuziba di Ruvo di Puglia (Ba)
regia e drammaturgia: Raffaella Giancipoli
con: Livio Berardi, Rossana Farinati, Adriana Gallo
Dentro questa storia c’è un castello, dentro al castello c’è un uomo dalla lunga barba blu, e poi ci sono una giovane sposa, una sorella, una madre, due fratelli e un labirinto di corridoi, porte e scale tutto da scoprire.
Dentro questa storia ci sono i giochi che si fanno al buio, i segreti sotto i tavoli, i divieti che i genitori impongono ai fi gli e c’è una piccola chiave che apre la porta di una stanza proibita. Proibita fino a quando lei, la giovane sposa di Barbablù, non decide di ascoltare il suo istinto e aprirla. E dietro questa porta troverà…

 

 

sabato 13 novembre h 16:00
domenica 14 novembre h 10:30 e 16:00

Il respiro del vento
Cada Die Teatro di Cagliari
regia, collaborazione alla drammaturgia: Alessandro Lay
di e con Mauro Mou e Silvestro Ziccardi
musiche originali Mauro Mou
luci e suono Matteo Sanna e Silvestro Ziccardi
C’era una volta un villaggio vicino a un grande lago, così limpido che sulla sua superficie potevi vedere galleggiare le nuvole, le foglie, le stelle e i sassi bianchi del fondo. Certe sere il cielo si rifletteva sull’acqua e colorava le case e i suoi abitanti d’azzurro e di blu.
Ma un giorno smise di piovere e il lago si prosciugò. L’anziano del villaggio chiamò un ragazzo: “Guarda il cielo Alizar, il nostro lago ora è lassù, tu dovrai riportarlo quaggiù.” Alizar prima di partire andò dalla sua amata Mounia e sotto il Grande Albero si scambiarono una promessa d’amore. Il respiro del vento è la storia del viaggio di Alizar che, cercando la pioggia per il suo Popolo, pian piano perse sé stesso, e di Mounia che lo ritrovò, seguendo il suo respiro.

 

 

sabato 27 novembre h 16:00
domenica 28 novembre h 10:30 e 16:00

Il paese delle mucche volanti
Filodirame di Palazzolo sull’Oglio (Bs)
regia: Marco Pedrazzetti
di e con Marco Pedrazzetti e Mario Pontoglio
musiche dal vivo di Mario Pontoglio
C’era una volta un dì, tanto tempo fa, un piccolo paese arroccato in montagna. Era un paese piccolo, le case erano piccole e tutti gli abitanti erano talmente poveri che a Natale nessuno riceveva nemmeno un regalo. Ecco però arrivare dal cielo… le Mucche Volanti che goffe e divertenti portano allegria a tutti gli abitanti.
Tutti aspettavano con ansia il proprio turno di poter volare con loro nel cielo. Tutti tranne GIEC, il burbero, vecchio, brontolone della città che non era mai salito sulle Mucche a causa del suo atteggiamento sempre arrabbiato e scontento. Quell’anno però arrivò nel villaggio anche Giocondo, il menestrello vagabondo, che con la sua chitarra, a suon di canzoni…

————————————————————————————————————–

 

Evento non organizzato dal Piccolo Teatro