Peter Rabbit

di Will Gluck
Australia/USA/Gran Bretagna2017, commedia/Animazione/Avventura,  93 min.
con Nicola Savino, James Corden, Domhnall Gleeson, Rose Byrne, Fayssal Bazzi, Sam Neill, Sia, Margot Robbie, Daisy Ridley, Elizabeth Debicki, Colin Moody, Marianne Jean-Baptiste

Peter Rabbit e la sua famiglia di conigli sono in lite con l’anziano signor McGregor che vuole tenerli fuori dal giardino della sua casa di campagna. Quando McGregor muore, la casa passa in eredità al nipote che vive a Londra e non ama la campagna.
Tratto dai racconti di Beatrix Potter

Valutazione pastorale della Commissione Nazionale Valutazione Film della CEI:     Il punto di partenza è nei racconti originali dell’autrice e illustratrice Beatrix Potter. Da questi disegni sono partiti regista e produttore per costruire una versione che non è cartone animato ma commedia vera e propria con inserti live action. Da un lato il giovane McGregor (che prende il posto del nonno ed eredita casa e terreno in campagna), dall’altro il coniglio Peter e la sua famiglia. Al centro, quasi ago della bilancia, si colloca Bea, la ragazza già residente in quella oasi di pace, destinata a diventare territorio di equivoci, incomprensioni, bisticci. Gluck si è imposto all’attenzione con “Annie – La felicità è contagiosa”, rivisitazione del classico musical di John Huston. Qui dirige con felice intento creativo, orchestrando con bella armonia i malumori e le liti tra il giovane Thomas McGregor e la frizzante Bea. Se dialoghi e dinamica di movimenti sono vivaci e sempre simpatici, l’altra parte importante è offerta senza dubbio da gesti e atteggiamenti degli animali, affidati a una bella spontaneità e forte originalità. L’incontro tra attori in carne ed ossa e figure animate raggiunge toni senz’altro esemplari e fascinosi. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, brillante e da destinare ad un pubblico familiare.