E’ ARRIVATO IL BRONCIO

(Here Comes the Grump) di Andres Couturier
Animazione, Gran Bretagna/Messico 2018,  90 minuti

Il Broncio, il mago maldestro e arrabbiato che sparge grigiore e tristezza sul variopinto regno di Groovynham, non si è sempre chiamato così. Prima il suo nome era Sorriso, il suo umore era allegro e il suo cuore batteva per la bella Mary. Un re impaziente, però, l’ha imprigionato e ha esiliato lei in un’altra dimensione, quella terrena, per la precisione nella Londra degli anni Settanta. Parecchi decenni dopo, è il nipotino di Mary, il giovane Terry, a venire catapultato nella magica terra della nonna, dove una principessina lo scambia per il suo salvatore e il Broncio dichiara guerra ad entrambi.

Ispirato al personaggio principale di una serie animata degli anni ’70 (ripresi qui come punto di partenza, e cioè come epoca del prologo), il film diretto da Andrés Couturier si guarda attorno, davanti e dietro nella storia del cinema, pescando non solo dal Mago di Oz ma anche dal disneyano Come d’Incanto, e dialoga, nel disegno, con gli altri nati dalla matita di Craig Kellman, ovvero i personaggi di Hotel Transylvania e di Madagascar. Il risultato è, però, originale e autosufficiente; e, sebbene parta un po’ a rilento, diverte in molte situazioni (niente male, per esempio, le sequenze dell’Oracolo e della depressione di Alba, che la trasforma in una nevrotica sentimentale per la quale “la tristezza è bella, la felicità invece è per i conformisti”).  Come la maggior parte dei prodotti di animazione di questi anni, anche È arrivato il bronciocomunica su due livelli, uno rivolto ai bambini e uno, più sarcastico, apprezzabile anche dagli adulti; ma in questo caso i due piani sono piuttosto estremizzati, perché da un lato il racconto sembra adatto alla fascia dei più piccoli e, dall’altro lato, l’umorismo impiegato è del tutto imprendibile sotto una certa età. Ma va bene così, che ognuna colga ciò che gli arriva: non c’è motivo di fare il broncio. Marianna Cappi