36° FESTIVAL NAZIONALE DEL TEATRO PER I RAGAZZI

Organizzato da Teatro Ragazzi G. Calendoli Onlus – NON E’ PREVISTA PREVENDITA DEI BIGLIETTI – Per maggiori info chiamare: 393.9812287 – 335.277788  info@teatroragazzi.com/www.teatroragazzi.com – Vienici a trovare su Facebook alla pagina: Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi – IL TEATRO È APERTO UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO DEGLI SPETTACOLI

sabato 18 novembre ore 16,00 e domenica 19 novembre ore 10,30 e ore 16,00
UN TESORO DI CARTA
Artistidea di Roma
di Sonia Viviani e Mario Rinaldoni; con Gianfilippo Grasso, Federico Melis e Sonia Viviani; regia di Sonia Viviani

Un’avventura mozzafiato quella di Federico e Gianfy, due ragazzi che, in un giorno di vacanza, dopo l’incontro con uno strano venditore di libri, decidono di usare la barca di papà per andare a fare un giro in mare da soli. D’improvviso un vortice li risucchia e li trasporta in un’avventura straordinaria alla scoperta del tesoro più incredibile che ci sia. Rinchiusi, senza possibilità di uscita, nella stessa grotta incontreranno uno strano naufrago che comunica solo attraverso l’uso di pagine di libri… un curioso orco con il suo tesoro. E piovre, navi e bisticci. Risate e commozione. Un viaggio nell’amicizia, nella lettura e nella scoperta del rispetto che condurrà i nostri eroi alla scoperta del Tesoro di Carta! Scene imponenti e di grande effetto.
*
sabato 25 novembre ore 16,00 e domenica 26 novembre ore 10,30 e ore 16,00
DUE DESTINI
Intrecciteatrali di Porto Ceresio (Va)
di Roberto Anglisani e Andrea Gosetti; regia di Roberto Anglisani; con Massimo Testa e Andrea Gosetti

“Due Destini” vuole essere un grazie alla vita, un viaggio che parte da lontano, dal concepimento!  Uno spettacolo capace di creare immagini, regalare emozioni, lasciando il pubblico rapito, coinvolto e immerso nel racconto di due feti concepiti uno in Europa e l’altro in Africa che ci conducono in un viaggio attraverso due mondi vicini, ma a volte davvero distanti e lontani, facendoci puntare l’attenzione su cose che a volte diamo per scontate e facendo riaffiorare il vero senso ed il vero gusto della vita. La nascita, la scuola, la malattia. Ascolteremo i destini di Rosa e Meskerem attraverso la voce di Andrea e la musica dal vivo di Massimo, portandoci alla scoperta di due mondi, di due vite parallele si possono incontrare e scambiarsi il soccorso, l’affetto, la salvezza!
*
sabato 2 dicembre ore 16,00 e domenica 3 dicembre ore 10,30 e ore 16,00
BELLA DA MORIR! Aida e il bambino che sognava la musica
Teatro Linguaggi di Fano (PU)
Ideato e scritto da Sandro Fabiani e Fabrizio Bartolucci, con Roberta Biagiarelli e Sandro Fabiani

Trasmettere ai giovani spettatori il fascino di storie,melodie e personaggi del grande teatro d’opera? Raccontare Verdi ai bambini? Raccontare forse la sua opera più importante? Impossibile? No! Gli amici di Teatro Linguaggi da anni seguono un percorso sulla lirica con spettacoli sempre divertenti, intriganti, ironici. Qui a introdurci nell’opera sarà un insolito personaggio: un custode… ma non di un teatro, non di una casa, non di un hotel… no: lui è il custode di un curioso cimitero di campagna! Nessuna paura: non ci sono fantasmi, né scheletri, ma un luogo che canta e suona! Perché le opere belle e i loro personaggi muoiono… ma restano immortali. Ed ecco che il piccolo cimitero si trasforma, si copre di sabbia, si ergono piramidi e prende vita la storia di Radames e Aida, bella… bella da morir!…Troppo bello per perderlo! Saprà riportarle indietro?

Gli anniversari sono tappe importanti: ci parlano del progredire di attività e idee e ci offrono
l’occasione di fare dei bilanci. Nel caso del Festival Nazionale del Teatro per Ragazzi, che oltrepassate le trentacinque edizioni si avvia ora verso l’obiettivo importante del quarantesimo compleanno, ricordo con piacere quanto scrissi alcuni anni fa, in occasione del 30°, sottolineando una storia “di maturità e giovinezza”.
Il festival infatti è la più vecchia rassegna italiana del settore, fresca però di un sempre rinnovato
entusiasmo, e continua a segnalarsi per la qualità delle sue proposte nella convinzione che il teatro
possa giocare un ruolo insostituibile nella formazione dei giovani.
Rinnovo pertanto i miei auguri di meritato successo a questa trentaseiesima edizione, insieme al
ringraziamento a tutti coloro che con passione e impegno ancora una volta hanno reso possibile
questa stagione di spettacoli nella nostra città.       Andrea Colasio, assessore alla cultura di Padova

*** *** ***

sabato 30 settembre ore 16,00 e domenica 1 ottobre ore 10,30 e ore 16,00
ZAC, COLPITO AL CUORE
Il Laborincolo – PaneDentiTeatro – ATGTP (Marche e Umbria)
di Simone Guerro, Marco Lucci, Enrico De Meo; con Marco Lucci ed Enrico De Meo; Muppets e burattini di Marco Lucci; musiche di Simone Guerro e AA.VV.; oggetti di scena di Ayumi Makita; scene di Frediano Brandetti; regia di Simone Guerro

Zac è uno scrittore dal “cuore di ghiaccio” che inventa solo storie di draghi e cavalieri coraggiosi ma, quando gli chiedono di scrivere una storia d’amore, si rifiuta ma si ritroverà coinvolto in una storia fatta di conigli che si vogliono sposare, tenere effusioni, canzoni sdolcinate e promesse di matrimonio: proprio la storia che aveva rifi utato di scrivere! E allora, cosa farà in questa storia d’amore? Cederà al richiamo della volpe che risolve tutto in un boccone? Oppure troverà il coraggio di liberare il proprio cuore? Ma per fare questo ci vuole coraggio! In scena un attore e dei muppets animati a vista: un coniglio in giacca e cravatta ubriaco d’amore, la sua amata che danza in un candido abito da sposa, una volpe affamata che si muove in silenzio… Spettacolo esilarante e ricco di emozionanti risate!
*
sabato 7 ottobre ore 16,00 e domenica 8 ottobre ore 10,30 e ore 16,00
C’ERA 2 VOLTE 1 CUORE
Tib Teatro di Belluno
Con Susanna Cro e Labros mangheras; regia e drammaturgia Daniela Nicosia; costumi Giorgio Tollot; scene Marcello Chiarenza; disegno luci e suono: Paolo Pellicciari; voce narrante Maria Sole Barito

Raramente si trovano spettacoli così belli adatti anche ai più piccoli: questa volta ci siamo! Una finestra nel cielo azzurro… Due bimbi aspettano di nascere, aspettano con fiducia… e immaginano il mondo che sarà … Lo creano sotto gli occhi degli spettatori: la fioritura improvvisa di un albero di pesco; la luna, grande come una barca, dalla quale lasciarsi trasportare; una valigia da cui gemmano rose e farfalle… Elementi naturali fortemente evocativi, forme riconoscibili dai bambini, che sviluppano il loro immaginario e insieme all’armonico elemento pittorico dato dal graduale ingresso del colore, alle musiche dolcissime diJacques Brel e Charles Trenet – incantano i piccoli, mentre emozionano i grandi. Piccole magie, nell’attesa della meraviglia, della bellezza che verrà. Sì, verrà! Chi aspettano? Aspettate anche voi con loro e lo scoprirete a fine spettacolo!
*
sabato 14 ottobre ore 16,00 e domenica 15 ottobre ore 10,30 e ore 16,00
QUELLA NOTTE CHE LA NOTTE NON VENNE
Schegge di cotone
di Emanuele Di Giacomo; con Ottavia Leoni e Chiara Lombardo; costumi di Eva Seeber

La vita di Margherita procede a gonfie vele fino a quando non si accorge che intorno a lei accadono dei fatti strani: di notte le cose scompaiono e insieme spariscono anche i loro nomi e i ricordi associati ad essi. Una mattina Margherita trova un album pieno di strani disegni, sui quali è scritta una parola con una grafia tremolante: Vola. Decide, la notte successiva, di stare sveglia e così vede che i disegni prendono vita e lei si trova catapultata in un carosello di mondi immaginari, popolati da personaggi surreali: una strega, una terribile maestra d’asilo, una bambola smemorata e una bambina antipatica… Ognuno parla una propria lingua particolare in cui le normali regole grammaticali sono capovolte o disattese. Margherita deve affrontarli e decifrarli. Ce la farà ad arrivare alla fine del viaggio e capire perché le cose sono scomparse? Saprà riportarle indietro? Ma soprattutto riuscirà a scoprire chi le ha lasciato quei disegni?
*
sabato 21 ottobre ore 16,00 e domenica 22 ottobre ore 10,30 e ore 16,00
GIARDINETTI
Il Mulino di Amleto di Torino
di Fabio Bisogni e Compagnia; con Fabio Bisogni, Marco Lorenzi, Barbara Mazzi, Alba Maria Porto

Chi non è mai stato ai giardinetti? Nessuno! E tutti abbiamo potuto vedere, e ora sorridiamo nel ritrovarle, scene come queste! Candy, una curiosa e vivace bambina, trascina ai giardinetti la sua mamma, un’elegante signora perennemente al cellulare. Vuole giocare, saltare, incontrare nuovi amici… ma per caso, o forse no, si ritroverà improvvisamente da sola. Persa e un po’ impaurita andrà in cerca della mamma immergendosi in un mondo sospeso tra immaginazione e realtà, pieno di strani personaggi: un piccione magico, un coro di mamme in cerca dei figli, un bimbo portiere un po’ imbranato, una bimba vestita come lei che le insegnerà a sognare… Candy attraverserà la paura della solitudine trasformandola in sorriso, smarrendosi in se stessa per vedersi meglio. Anche la sua mamma, sperduta nel “giardinetto” molto più di lei, vivrà avventure e incontri difficili che affronterà in modo adulto e, a volte, un po’ grottesco. Stupore e risate sono il leit motiv dello spettacolo.
*
sabato 28 ottobre ore 16,00 e domenica 29 ottobre ore 10,30 e ore 16,00
BLACK OUT – Nel meraviglioso mondo di Uoz (app)
ABC Allegra Brigata Cinematica di Bergamo –Coproduzione con CSC Anymore e il supporto di NEXT
Con Luca Citron e Federica Madeddu; coreografie di Serena Marossi; scenografie e luci di Simone Moretti; musiche di Marco Bonati; video musicali di Paolo Ferrario; maschera tablet di Raian Craveri; voce di Yuri Plebani; regia di Luca Citron.

Blackout è una performance che non ci era mai capitato di vedere. Intelligente, divertentissima, piena di significati e di sorprese ma difficile da descrivere. Il mondo dell’incomunicabilità dovuto all’uso del tablet. Due personaggi che non sanno dialogare, ognuno ingabbiato in un proprio canale comunicativo fatto di immagini, video, suoni, rumori, tic, sms, post, emotions: Pixel, si esprime solo tramite immagini, video e foto, non parla, non tocca, non sa ascoltare. Sonar, è la ragazza dai 1000 e zero volti, dalle 1000 immagini profilo che scorrono sul suo viso-table, è immersa nel mondo social, un personaggio grottesco che vive e trasmette le sue emozioni solo attraverso emotions, condivisioni e immagini… finché un blackout generale spegne il loro mondo. Troveranno, allora, un nuovo e più autentico modo per relazionarsi al mondo che li circonda? Importantissimo per il futuro dei ragazzi!
*

sabato 4 novembre ore 16,00 e domenica 5 novembre ore 10,30 e ore 16,00
BIANCANEVE, LA VERA STORIA
Crest di Taranto
con Catia Caramia, Maria Pascale, Luigi Tagliente; costumi Maria Pascale; testo regia scene e luci Michelangelo Campanale

Chi non conosce questa fiaba, una delle più conosciute al mondo? In questo spettacolo viene riportata alle sue origini, raccontata dall’ultimo dei sette nani, testimone dell’arrivo di una bambina coraggiosa, che preferisce la protezione del bosco sconosciuto allo sguardo, conosciuto ma cupo, di una madre-matrigna, invidiosa della bellezza della figlia. Lo spettacolo porta per mano “dietro le quinte” della storia, lì dove prendono forma e vita i personaggi, i loro sentimenti e le loro azioni, talvolta buoni e talvolta cattivi, quasi mai sempre buoni o sempre cattivi. E, proprio come uno spettacolo,  un po’ comico, un po’ emozionante; o come la vita che impariamo ad affrontare: un po’ dolce, un po’ irritante, un po’ divertente, un po’ inquietante, un po’…  Ma per gli spettatori non “un po’” ma sicuramente “molto” divertente!
*

sabato 11 novembre ore 16,00 e domenica 12 novembre ore 10,30 e ore 16,00
FRATELLI IN FUGA
Santibriganti Teatro di Moncalieri (TO) coprodotto con Fondazione Paideia
di Bàbuin, Abbruzzese, Busnengo, Fardella; con  Luca Busnengo  e  Andrea Fardella; scene Giovanni e Marco Ferrero con Siyana Mihova; costumi Eva Maria Cischino; video Fabio Melotti; ideazione e regia Maurizio Bàbuin; aiuto regia Arianna Abbruzzese; collaborazione dott.ssa Marcella Amerio

L’avventura è quella di Lollo che un giorno decide di scappare di casa  e andare all’avventura ma…il fratello più grande, Michi, lo segue. Michi è un fratello speciale, affetto da sindrome autistica e chissà cosa gli passa per la testa quando sta assieme al fratellino. L’avventura di una notte, piena di imprevisti e difficoltà ma anche di divertimento, li aiuterà a scoprire che il loro legame è davvero speciale e che resterà tale anche quando saranno “grandi”. Un tema difficile per uno spettacolo divertente, coinvolgente ed emozionante.
*

Festival organizzato da Teatro Ragazzi G. Calendoli Onlus – NON E’ PREVISTA PREVENDITA DEI BIGLIETTI
Per maggiori info chiamare: 393.9812287 – 335.277788  info@teatroragazzi.com/www.teatroragazzi.com

Vienici a trovare su Facebook alla pagina: Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi
IL TEATRO È APERTO UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO DEGLI SPETTACOLI